Cerca nel sito



 


archivio > Archivio sulla sinistra>Buchenwald รจ il capitalismo (il programma comunista, n. 1, 15 - 29 gennaio 1960)

aggiornato al: 26/09/2010

il programma comunista, n. 1, 15 - 29 gennaio 1960

Riproponiamo questo articolo di cinquanta anni fa quanto mai attuale. Ricompare sotto i nostri cieli con sempre più forza, anche se la sua presenza non è mai mancata, il razzismo. Alla deportazione e al massacro di una umanità sofferente che cerca di evitare la morte per fame e miseria, giungendo, con quelle che eufemisticamente vengono dette "carrette del mare" sulle nostre paradisiache coste, e che viene mitragliata prima dello sbarco, rinchiusa poi in lager appositamente allestiti in attesa di essere rimandata indietro, si aggiunge ora la caccia all'uomo che il governo (Lega in primis, con i suoi uomini in verde) ha dichiarato all'etnia Rom, gli" zingari", già presenti e stabili da noi. I loro miseri villaggi, i loro campi vengono distrutti e donne, uomini e bambini deportati tra l'indifferenza di tutti. Ora in questa campagna si è unita, al di fuori delle nostre frontiere, anche la Francia di Sarkozy per la gioia dei leghisti nostrani.

Nessuno riesce a vedere, o ha il coraggio di dire, che è presente e in azione lo stesso razzismo, che, a parole, tutti deprecano e aborriscono, che aveva colpito sotto nazismo e fascismo il popolo ebreo. Nazismo e fascismo dovrebbero essere stati sconfitti e puniti per queste aberrazioni, eppure sono presenti e in azione perché come spiega l'articolo razzismo è il capitalismo nelle sue varie vesti (nazista, fascista o democratica), perché «Buchenwald è il capitalismo».

Non possiamo concludere questa breve introduzione che con le spesse parole con cui termina l'articolo:

«La fetida ondata razzista svegli i proletari alla coscienza che il capitalismo, sotto qualunque veste, è oppressione, bestialità e morte».

 

Buchenwald è il capitalismo

Gli scoppi di delinquenza razzista e di teppismo antisemita, l'epidemia di croci uncinate e simili delizie, sembrano capitati in buon punto per ridare tono e prestigio alla virtuosa democrazia progressista, e giustificare il grido: Ritorna la minaccia del nazismo, degli orrori dei campi di concentramento, della violenza bestiale a danno dei deboli! Uniamoci per salvare la purezza incorrotta dell'antifascismo! Perché no, ricostruiamo un fronte popolare per la difesa dei diritti dell'uomo!

La democrazia sarebbe dunque un argine contro il riapparire del bestione trionfante? Non ci sarebbero dunque più Buchenwald e Mauthausen il giorno in cui la verginità democratica fosse protetta dalla minaccia di resurrezione del fascismo in croce uncinata? Comodo, certo; ma non è così. Buchenwald non ha bisogno di risorgere per la ricomparsa di «rigurgiti fascisti»: Buchenwald è già qui, egregi signori della democrazia universale; è qui dallo stesso giorno in cui il fascismo fu definitivamente battuto sul terreno militare e passò pari pari in eredità al vincitore democratico. Che cosa sono stati quindici anni di perfetto dominio della democrazia su scala mondiale, se non quindici anni di fascismo aggravato? Temete il risorgere del genocidio, o intellettuali in fregola di fronti democratici? Ebbene, che cosa fu il massacro dei quarantamila algerini nel 1945, regnando il fronte universale dell'antifascismo borghese, da De Gaulle grande resistente fino a Thorez suo vice-premier, se non un classico esempio di genocidio nello stile della croce uncinata? Che cos'è lo stillicidio delle guerre localizzate, ora in Corea, ora in Algeria, ora in Indocina, ora in Ungheria, ora in Egitto, etc., se non una ripetizione - senza svastica, d'accordo! - della solfa hitleriana?

Il Sud-Africa ultrarazzista e, per rapporto ai negri, non certo inferiore al modello hitleriano, fa parte delle Nazioni Unite di ultrademocratico conio, ma nessuno ha mai pensato e pensa di metterlo alla porta o di inchiodarlo al verdetto della «coscienza universale». La «linea di colore» fa parte per tradizione della politica di una delle colonne della democrazia universale, la Gran Bretagna. La Francia e il Belgio colonialisti hanno le mani grondanti di sangue negro o bianco semitico, e la prima sarà una delle colonne della distensione e della concorrenza pacifica covate nelle prossime riunioni «alla vetta». La Croce Rossa Internazionale ha lanciato un timido grido sulle torture praticate in Algeria prima ancora di De Gaulle, imperante il proconsole socialista Lacoste, e allegramente continuate e perfezionate dai loro successori. Non sono torture con il marchio di fabbrica hitleriana: ma torture restano. Pochi hanno da protestare: tutti hanno al contrario da corteggiare i torturanti in nome della «libertà dalla paura». Negli Stati Uniti declina il razzismo ufficiale e scoperto, ma il negro continua ad essere, di fatto, un cittadino minoris juris. Quanto a «genocidi», il Cremlino ha - nella lunga storia della controrivoluzione e della sua diplomazia, ora filo-hitleriana, ora filo-occidentale, sempre reazionaria - un bel po' da insegnare. No, il fascismo non è morto, perché non è morto il capitalismo!

E se, dal seno di una società che proclama di aver instaurato le quattro libertà e di aver educato le generazioni nuove a venerarle, balza fuori la recentissima variante dei blue-jeans, gli imbrattamuri in croci uncinate, che cosa può vantarsi questa società di aver «insegnato» ai giovani, se non quello che abbiamo ricordato più sopra? O forse la società democratica si scandalizza perché i giovani pretendono di toglierle il bieco monopolio del terrore e della persecuzione razziale? Ciò che avviene è il segno del marciume che la società mercantile, la società dei bottegai e dei mercanti di prodotti, di «servizi» e di carne umana, sprigiona da sé stessa: e questo marciume non è un fenomeno patologico di cui la democrazia dovrebbe o potrebbe sbarazzarsi; è la sua stessa linfa, corrotta e corruttrice. Il metodo della «ricerca del colpevole» è tipico del capitalismo: se le cose non vanno bene, si ricerca l'ebreo, e, nello stesso tempo si devia verso l'anti-ebreo lo sdegno delle masse sfruttate.

Solo una società organizzata dai proletari su una base che non sia quella dell'uomo e del suo lavoro considerato come merce da offrire e da acquistare sul mercato, e del lavoro umano valorizzato come mezzo non per conservare e riprodurre la specie, ma per conservare e riprodurre all'infinito il capitale, potrà eliminare dalla faccia della terra non solo le svastiche disegnate sui muri, ma la bestiale violenza esercitata di fatto sotto mille bandiere e simboli diversi, e sotto lo scudo dell'ipocrisia dei moralisti. Solo la lotta del proletariato mondiale di tutte le «razze» e di tutti gli Stati seppellirà il mostro razzista e sciovinista.

La fetida ondata razzista svegli i proletari alla coscienza che il capitalismo, sotto qualunque veste, è oppressione, bestialità e morte.

 

il programma comunista, n.1, 15 - 29 gennaio 1960